Selezione di scritti giovanili


Stella (Il Primo Grande Amore)

39 ragioni per amarti
È un anno
Ti ho cercata
Il nostro amore

Amore e rabbia

Dopo Stella

Al lettore
Protetto dalla corazza
Donne belle e donne no
Commedia
La fede genetica
Una promessa
Il raddoppio
Tutto andava bene
Alle dieci di sera
Dentro una botte
Un dubbio


 

Stella (Il Primo Grande Amore)

 

39 ragioni per amarti

Ti amo. Perché sei bella. Perché sei dolce. Perché sei cara. Perché voglio accarezzarti. Perché non dormo più. Perché ti amo. Perché ti voglio bene. Perché ho perso tre chili. Perché ricordo il tuo sguardo. Perché guardo i tuoi occhi. Perché sei fatta per me. Perché anch'io sono fatto per te. Perché la mia vita sei tu. Perché le altre sono cerini, e tu il sole.
Perché ho provato a parlare con le altre e mi sono sentito un verme. Perché voglio te. Perché so che anche tu vuoi me. Perché so che anche tu mi ami. Perché non ho più uno scopo. Perché la mia vita è buia. Perché per dormire devo ubriacarmi. Perché siamo stati felici. Perché tu sarai ancora felice solo insieme a me. Perché sono geloso. Perché prendo a pugni i muri. Perché ho paura che tu ti faccia del male.
Perché tu lo meriti. Perché lo meriti solo tu. Perché amarti è bello. Perché voglio tornare con te. Perché solo con te trovo l'equilibrio. Perché senza di te non ragiono più. Perché non so più parlare. Perché non so più pensare. Perché sto fumando troppo. Perché non bado più a me. Perché sto scrivendo queste fesserie. Perché mi sembrano filosofia e poesia. Perché non ce la faccio più.
Per tutto questo, Stella, ti amo.

 

indice

 

È un anno

È un anno.
Ho passato il giorno a ricordare.
Una festa, un disco.
Un divano, un vestito.
Una ragazza, un bacio.

 

indice

 

Ti ho cercata

Ti ho cercata nella città di Umiltà.
Ti ho cercata nella città di Povertà.
Poi ancora ti ho cercata in Prudenza.
Poi ti ho cercata in tutte le altre città
della Terra delle Virtù.
E ho avuto paura di cercarti altrove

 

indice

 

Il nostro amore

Il nostro amore. Fra l'erba umida, sulle assi di legno. Il nostro amore. Quello stesso che prepotente torna ai miei occhi quando abbraccio lei. Quello stesso che, subdolo, s'insinua fra i miei sogni. Tu non vuoi ricordarlo.

 

indice

 

Amore e rabbia

“Io e lei”, il best seller dell’anno ! Come sprecare il vostro amore, in quindici fascicoli mensili. In carta straccia patinata, rilegato in velluto.

La storia di un ragazzo che amava e di una ragazza che era amata e sentitamente ringraziava. Una storia prima bella, poi non più. Manca il lieto fine. Leggetela pure, ma non diffondetela.

Finito di stampare il 5 marzo 1973.

 

indice

 

 

 

 

Dopo Stella

 

Al lettore

Non so come ti chiami.
Non so chi sei.
Ti chiedo solo scusa.
Perché non so farti capire
quanto l'amo.

 

indice

 

Protetto dalla corazza

Protetto dall'usbergo dell'esperienza
un ragazzo avanza a grandi passi
verso casa di lei.
Il mento avanti, lo sguardo sicuro,
la mascella indurita.
Non c'è arma che possa sfondarla,
quella corazza.
Egli cammina a grandi falcate,
non vede un tombino
e vi cade dentro.
Finisce morto di fame in una fogna
impedito com'è
dalla corazza.

 

indice

 

Donne belle e no

Una donna
ch'è detta "bella"
non vale una scorreggia
di una donna
che ragiona
(pardon !).

 

indice

 

Commedia

Dietro la scrivania dell'Ufficio Timbrature c'è l'Impiegato col Timbro. Dietro il confessionale, l'Uomo Che Perdona. Nel Tribunale, l'Uomo Che Giudica. Nel mio letto, l'Uomo Che Pensa. Personaggi di una grande commedia. Io so di recitare. Sarebbe buffo togliersi la maschera e dire la verità. Non lo faccio: diventerei l'Uomo Che Ha Capito.

 

indice

 

La fede genetica

Una donna :
sola, sfiduciata portatrice
di una fede genetica
in cui non crede,
deve essere educatrice
al figlio.

 

indice

 

Una promessa

Una promessa
come un alito di vento tiepido
ha accarezzato i miei pensieri.
E già sboccia
un fiore di speranza
pallido e fragile,
come la fiammella
che custodisco fra le dita
appena schiuse.

 

indice

 

Il raddoppio

Lui gioca a dadi. Una partita al raddoppio. Se vince raddoppia il capitale, se perde non ha più una lira. Gioca e vince. Continua a giocare e a vincere. È obbligato a giocare. Lo sa, ma in quel momento vince. E continua a vincere.
Un giorno perde.
È il caso, che dopo mille partite vinte gliene ha fatta perdere una. Una sola. E lui non ha più una lira. Ma deve continuare a giocare. Riesce a trovare cinque lire, e le gioca. Vince. Dieci lire. Vince. Dopo un anno continua a vincere. È il caso.
Un venerdì perde. E non riesce più a trovare cinque lire.

indice

 

Tutto andava bene

Il cervello ha ragionato. Il saggio ha consigliato. Il giudice ha approvato. L'amico ha controllato. Tutto andava bene. L'uomo ha agito.
Ora il cervello ragiona sull'accaduto. Il saggio ne prende atto per dare nuovi consigli. Il giudice conferma la validità delle premesse. L'amico ricontrolla. E l'uomo l'ha presa in culo.

indice

 

Alle dieci di sera

Una ragazza è partita. Un giovane, solo, alle dieci di sera, nella sua camera, guarda il fumo della sigaretta.

indice

 

Dentro una botte

Dentro una botte un uomo con un fucile. In alto migliaia di uccelli variopinti. L'uomo col fucile può abbatterne centinaia. Ma non ha pretese. Gliene basta uno. Accuratamente lo prende di mira. È quello. Fra tanti, è lui. L'uomo spara. Un uccello, uno solo, di tante migliaia, ferito, sofferente, in mezzo a un prato.

 

indice

Un dubbio

Improvvisa, a volte, mi afferra
la coscienza di te.
M'interrogo a lungo
e non mi rispondo
e non capisco perché
sei entrata così prepotente
nei miei pensieri ;
tu, fra cento altre.

 

indice